logo-mini

Joia Vip, Mi piace l’inverno, Santo Natale 2017

Joia Vip, Mi piace l’inverno, Santo Natale 2017

Santo Natale 2017

Mi piace l’inverno

Cara amica, caro amico,
Questo Natale ha regalato alle montagne uno spesso manto di neve.
Sulle loro cime è polverosa, lo riconosco quando il mattino presto osservo il pizzo Camedo appena illuminato dal sole, è avvolto da una neve sottile, che il vento spinge tutta attorno in un grande turbine che nasconde la punta di quella cima maestosa.
A ponente, dove in inverno arriva solo l’ombra della luce, è compatta e dura lungo, a volte ben oltre l’inizio della primavera che da quel lato del pendio tarda ad arrivare. E’ appiccicata anche ai larici che quest’anno hanno perso velocemente le foglie e ai tronchi delle betulle, brulli come dei fantasmi e che ne imitano il colore. La prima ha l’odore del cielo che è lì a poche spanne, la seconda degli alberi e dei massi che la accolgono.
Scendendo più in basso, dove per un paio di ore il sole riesce a portare un po’ di tepore, a tratti è così morbida, tanto da sprofondarci fino a calpestare le foglie del sottobosco, il gusto di quella neve è di acqua di sorgente, quella però che si è lasciata scorrere tra l’erba e i muschi e ne ha raccolto gli umori preziosi.
Per uno strano gioco, a fondovalle, duemila metri più in basso del pizzo che tutto il giorno, da milioni di anni, si staglia all’orizzonte, di spazio per il calore ce n’è poco, tanto che questa mattina il termometro ha segnato meno otto gradi.
Ogni cosa è ricoperta da un sottile strato di ghiaccio che quest’anno, è la prima volta dopo molti, è andato a coprire anche i pozzi del fiume.
Sarebbe comodo, per chi come me ama uscire dai sentieri battuti, avere le quattro gambe delle volpe e della lepre, due non mi aiutano a rimanere in equilibrio, così quando riesco mi attacco a questo o a quel ramo, altrimenti cado, vergognandomi un po’ del mio procedere impacciato. Mi sembra di sentire il loro sguardo perplesso, ci sono e mi osservano ben nascosti, lo sento, sembrerebbe che vogliano dirmi che quel bosco non è fatto per me, sprovvisto come sono di morbide e aderenti zampe e di un’impermeabile pelliccia.
E’ bello quel freddo silenzio, appena interrotto dal ritmato canto dei pettirossi, loro non si fermano mai, e dal rumore dei miei passi che scricchiolano, sprofondando appena sul quel rigido manto.
Toccando il ghiaccio con i palmi ne scopro la ruvidezza, che varia a seconda della pendenza, della temperatura, se l’acqua scorre sopra o sotto e da altri infiniti fattori che non conosco. Non resisto a lungo, il gioco di ogni bambino e il mio, è quello di immergere le mani intirizzite nell’acqua fredda, mi sembra che scotti e faccia male, come a camminare sulla sabbia infuocata.
In quei semplici contrasti che scuotono il mio cuore, dalla mia bocca, dai cespugli e dall’acqua che scorre, sale del vapore. Si perde velocemente, come se non volesse arrivare alla cima degli alberi.
Mi piace attardarmi e aspettare la notte, oggi era accesa da una luna gigantesca. E’ interessante, illumina quasi a giorno però lascia vedere le stelle, ogni contorno con lei diventa magico e dove finisce l’orizzonte inizia l’infinito.
Nel quale, mi sono detto, sarebbe bello perdermi camminando verso di lei, accogliente madre da molto tempo e specchio dell’anima di ogni essere mobile e immobile.

Buon Natale e Felice Anno Nuovo, che vi auguro sia all’insegna della Pace e dell’Amore.

Con vicinanza, vostro

Pietro Leemann

 

NOTIZIE IN BREVE

– Siamo aperti fino a sabato 23 dicembre compreso, riapriremo mercoledì 10 la sera

– Faremo dei lavori strutturali nella sala all’entrata rendendola avvolgente e accogliente.

– In questi giorni troverete in libreria il divertente libro realizzato con Sauro, dal titolo Ricette e segreti per cucinare ad arte e con gusto.

– E’ stato un anno bellissimo, fremo per iniziare il prossimo che vi prometto ricco di spunti e di buono.

– Il 27 dicembre inizia il seminario del professor Ferrini a Marina di Pietrasanta, un appuntamento , extra ordinario. Eccone la descrizione.


Comments are closed.