logo-mini

Joia Vip, 30 anni di Dharma

Joia Vip, 30 anni di Dharma

Joia, 18 gennaio 2019

Cara amica, caro amico,
Questo mese di dicembre la neve è rimasta in alta quota. Così, in queste vacanze, invece di sciare, mi sono dedicato a lunghe e rigeneranti passeggiate.
Nell’ultima, prima del rientro a Milano pochi giorni fa, ho camminato per tre ore fino ad arrivare a una quota di quasi 2000 metri. Gli ultimi trecento erano coperti da una bella coltre bianca e compatta che è riuscita a non farmi sprofondare, i passi nella neve, quando morbida, sono molto faticosi. Conoscendo la direzione e nei punti meno pericolosi, sono uscito dal sentiero ufficiale, quando ci riesco, anche nella vita di tutti i giorni, un senso di libertà mi pervade e i pensieri diventano leggeri. Al contrario, quando mi trovo a lungo su binari che mi costringono a essere e fare in un certo modo ho le ali tarpate, sempre pronte loro a farmi spiccare il volo.
Il vento impetuoso degli scorsi giorni aveva sradicato molti abeti, anche giganteschi. La natura, lei, non può essere imbrigliata e tutto liberamente trasforma, anche quel paesaggio immutato da centinaia di anni.
Scavalcando quei grossi tronchi ho percepito il mio vero essere, ben ridimensionato rispetto a quella potenza non domabile.
Non legata a un pensiero razionale che in ogni istante riordina ciò che è, se ciò non è possibile lo traduce con un linguaggio su mia misura in una dimensione rassicurante ma non necessariamente veritiera.
La comprensione è direttamente proporzionale a ciò che conosco e che ho sperimentato, limitata però dalla mia condizione psico-fisica.
Il silenzio, interrotto solo dal rumore dei miei passi, diventati leggeri, mi ha aiutato a percepire, mi sono sentito pervaso e avvolto da un senso di appagamento profondo.
Lo scorrere degli eventi, anche quando apparentemente casuali, fanno parte di un ordine cosmo etico che è sintetizzato in sanscrito con il termine Dharma, Tao nella cultura del Paese del Centro.
Ogni elemento infinitesimale o gigantesco, immobile come una montagna o in movimento come un ghepardo che con grandi falcate attraversa la grande prateria, gli appartiene.
Se in Sua armonia tutto fluisce, le trasformazioni, anche quelle apparentemente più drammatiche, avvengono facendo sentire i coprotagonisti intimamente legati alla loro Fonte.
Il Dharma è al contempo il ruolo che ognuno ricopre, dal vento, alle nuvole, dalla lince al capriolo, così per l’ape e la formica, come per il filo d’erba e il baobab, non da ultimo per l’essere umano nelle sue innumerevoli specie.
Ognuno di noi e di loro, se malauguratamente pensassimo di esserne distinti, contribuisce al suo mantenimento, al contrario ne è isolato.
L’affascinante punto di partenza degli esseri che pensano, è individuare il proprio, diverso per le caratteristiche di ognuno intimamente legate alla propria personalità.
In questo viaggio, che per molti filosofi è il primo scopo dell’esistenza, è probabile commettere molti errori, che sono tipici della dimensione umana, esenti in tutte le altre che si muovono all’interno di un ordine contenuto dalle loro caratteristiche e dal loro istinto. Come afferma il mio caro Maestro, imparare a correggersi è divino e potrebbe proiettare in una dimensione ulteriore. Di felicità libera dal tempo.
Buon inizio del 2019!

Cordiali saluti
Suo Pietro Leemann

 

NOTIZIE IMPORTANTI IN BREVE

Joia quest’anno festeggia il suo trentesimo compleanno, settimana prossima le manderò una riflessione nella quale esprimo quanto trascorso e le prospettive per questo stimolante presente.

Da fine gennaio le proposte del pranzo si trasformano. Desidero che tutti i piatti che escono dalla cucina, pur sempre buoni nel gusto, siano raffinati anche nel contenuto e nella forma.

Per il pranzo sarà sempre possibile scegliere lo storico “Piatto quadro”, coniugato con 4 elementi salati a 20 euro, di 5 elementi con il dessert a 25 euro. Una bella novità, ispirandoci all’antroposofia ogni giorno inseriremo un cereale diverso, cucinato con golosità. Nel prezzo sono inclusi l’acqua e il caffè.

Per degustazioni più complete, sempre a pranzo, proporremo un menu di 3 portate a 50 euro e a 4 portate a 60 euro. Naturalmente sarà sempre possibile scegliere tutti i menu degustazione e la carta al completo!

Le nostre zuppe sono famose, sia quando lo sguardo si volge all’amata natura come quando strizza l’occhio all’oriente, fonte di tanta ispirazione. A pranzo nasce così “vegetus”. Sarà composta ogni giorno da buone e salutari verdure, nutrienti legumi e condimenti attenti. Servita ben calda, accompagnata da una piccola e golosa insalata a 18 euro, comprensivi sempre di acqua e caffè.

Ogni giorno anche una torta o un dolce diverso a 6 euro.

Antonio sta progettando una proposta di vini a calice dedicata alla pausa di mezzogiorno.

La sera il Joia Kitchen rimarrà aperto dal lunedì al venerdì. Consulti la carta dell’inverno e la nuova quindicina dedicata alle gemme invernali.


Comments are closed.